Guancia di fassona cotta a bassa temperatura

Per sorprendere il palato la tenerezza della pregiata guancia di fassona cotta a bassa temperatura

L'impiattamento della ricetta

L’impiattamento della ricetta

La carne di Fassona

La Fassona Piemontese è una razza bovina, di taglia media e dal manto chiaro, avente masse muscolari ipertrofiche, ovvero molto sviluppate. La carne di Fassona è magra e molto pregiata, poiché questi bovini vengono alimentati in modo naturale con fieno e cereali.

Questa carne, viene impiegata per qualsiasi tipo di pietanza e, in virtù delle proprie origini, è particolarmente diffusa nei ristoranti piemontesi.

La guancia di Fassona: pregiata e succulenta

Nella seguente ricetta, proposta dal nostro food blogger Kevin Feragotto, il focus è improntato sulla guancia di Fassona.

Negli ultimi anni, la guancia ha conquistato un ruolo da superstar nelle cucine casalinghe e non solo, anche grazie alla sua anima tenera e succulenta. Per la sua difficile reperibilità (si parla di parti piccole e ne sono presenti solamente due per ogni animale), è diventata particolarmente pregiata e di moda.

Si trova nella zona situata tra muso e gola, tra tenerone e musetto. Si tratta di un taglio di carne magro e fibroso che, una volta cotto a bassa temperatura, diventa estremamente gustoso.

Guancia di Fassona sous vide

Guancia di Fassona sous vide

I vantaggi della cottura sottovuoto

Grazie alla cucina sous vide è possibile assaporare una guancia di Fassona che si scioglie letteralmente in bocca.

La CBT è il metodo di cottura ideale perché permette al tessuto connettivo compreso tra i muscoli di trasformarsi in una deliziosa gelatina che contribuisce a trattenere l’umidità all’interno della carne e quindi a renderla tenera e succosa.

Scopri di seguito il procedimento da seguire per realizzare la guancia di Fassona cotta a bassa temperatura.

Per altre idee, non esitare a contattarci! Invia una mail a social@besservacuum.com.

INGREDIENTI PER 2 PERSONE

  • 300 g di guancia di Fassona
  • ½ cipolla rossa
  • ½ gambo di sedano
  • ½ carota
  • sale grosso q.b.

PROCEDIMENTO

  1. Innanzitutto, tagliate a tocchetti la cipolla, il sedano e la carota. Quindi, tamponate la carne con della carta assorbente e inseritela in un sacchetto specifico per la cottura sottovuoto.
  2. Aggiungete poi un pizzico di sale, del pepe e le verdure tagliate.
  3. Sigillate la busta e immergetela in acqua pre-riscaldata a 60°C. Cuocete per 5 ore.
  4. Una volta terminata la cottura, estraete la carne dalla busta e tagliatela a fette di spessore 1 cm. Infine, spolverate la superficie con la granella di nocciole.

PRODOTTI CORRELATI

Qui di seguito potete trovare la macchina sottovuoto e il termocircolatore Besser Vacuum utilizzati per la ricetta.

MINI

Macchina per confezionamento sottovuoto ad aspirazione esterna in Acciaio Inox (Aisi 304).

shop
Vacrowner

VACROWNER

Termocircolatore ad immersione Bluetooth con controllo smart dei processi di cottura sottovuoto attraverso l’App interattiva “Sous Vide Technology Bluetooth”

shop

BUSTE GOFFRATE – COTTURA

Disponibili in diversi formati e prodotte con plastiche certificate BPA FREE, garantiscono un’elevata resistenza ad ossigeno e vapore acqueo riducendo al minimo il rischio di perforazione del sacchetto.

shop

Blog

The Sousviders

Crediamo nel valore della ricerca tecnologica e scientifica applicate alla cucina e nella qualità degli ingredienti biologici, sani e genuini che rispettano l’ambiente e la salute di chi li mangia.

Ogni giorno in Besser Vacuum lavoriamo in nome di questi valori, per questo motivo crediamo nel cambiamento globale e nella sostenibilità ambientale, un cammino in salita ma che insieme possiamo realizzare.

Eventi

Non ci sono eventi in arrivo al momento.
2020-04-27T13:02:42+00:0029 Ottobre 2019|Ricette|0 Commenti

Scritto da:

Kevin
Kevin Feragotto Dalla tavola alla cucina il passo è breve! Riproduco in chiave innovativa le ricette della tradizione friulana e dal 2014 le condivido su Instagram. Nascono collaborazioni importanti e nel 2015 arrivano le prime menzioni internazionali su Elite Magazine e City Magazine. Mi formo sul campo come aiuto cuoco stagionale e intanto continuo a studiare: mi laureo prima in Produzioni e Tecnologie Animali con lode e poi conseguo il Master in Gestione d’Impresa Food&Wine alla Business School di Bologna.

Scrivi un commento

Torna in cima